EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

"Basta polemiche, collaboriamo tutti assieme"

19/01/2021 15:44
Marcello Formoso, titolare di adv, e commerciale di un t.o. milanese e tra i fondatori del Coordinamento 27 maggio, vuole lanciare un messaggio propositivo e positivo al settore - di Stefania Vicini

Alleggerire i toni e dire basta alle polemiche. Marcello Formoso, titolare di adv da 25 anni e commerciale di un t.o. milanese, oltre ad essere tra i fondatori del Coordinamento 27 maggio, vuole lanciare un messaggio propositivo e positivo al settore. Il suo pensiero è molto chiaro: “Bisogna fare le proteste giuste, anche nei toni – commenta Formoso a Guida Viaggi -, oltre a cercare un’unione di intenti e di categorie, anche sui social sarebbe meglio smorzare le polemiche e collaborare tutti assieme. Da ora in poi si deve cambiare atteggiamento, le categorie di settore devono essere unite”. 

Il Coordinamento 27 maggio aveva organizzato il sit in ad oltranza dell’11 gennaio scorso, rinviato poi a data da destinarsi a seguito delle nuove disposizioni di governo in merito alla pandemia. Un evento che aveva chiamato a raccolta la filiera nella sua interezza, in linea con quelli che sono gli ideali dei promotori. “Ci è parso però coerente rinviarla, al momento non si sa ancora la data, siamo in attesa degli eventi. La manifestazione del 12 gennaio si è tenuta, è andata bene. Dal canto nostro abbiamo sempre appoggiato ogni forma di protesta di piazza, perché la piazza serve – afferma Formoso -, ora non è il momento di fare polemiche – ribadisce -. C’è stata una collaborazione con i rappresentanti di categoria, i dimenticati dai ristori saranno presi in considerazione”.

Secondo Formoso ciò che ora può salvare il settore è: “L’apertura di uno stato di crisi del turismo, perché più passa il tempo e più peggiora la situazione”. Tra le richieste avanzate ci sono anche i ristori, basti dire che sono “quasi tre mila le adv senza aver ricevuto il fondo perduto di agosto e poi servono nuovi ristori che permettano di ripartire. Ci sono alcune adv che sono state completamente dimenticate, come quelle che hanno cambiato partita Iva o le startup, pur essendo in regola non hanno ricevuto nulla”. E poi servono l’apertura dei corridoi turistici, i tavoli di discussione con figure competenti. Certo, ora bisogna anche vedere che sviluppo avrà la crisi di governo, “vero è che se non avremo risposte entro breve, si potranno fare altre proteste – annuncia -, sperando che tutti remino nella stessa direzione”. 

Parlando in termini di operatività alla domanda su come sia la situazione in adv oggi, Formoso fa presente che si lavora “su appuntamento, stiamo cercando di fare una programmazione sull’estate, in collaborazione con qualche nostro operatore. Si lavora da casa”. In termini di richieste arriva qualche cosa da chi è in possesso dei voucher, “abbiamo avuto molta solidarietà dai nostri clienti".

Stefania Vicini


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us