EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Air Europa verso il pieno regime e pensa al raddoppio

20/10/2020 11:30
Ritorno in America Latina. Lenta ma costante la ripresa del traffico, con l’etnico divenuto l’attore principale. Entro fine 2020 18 le destinazioni Oltreoceano - di Paola Olivari

Dall’Italia Air Europa porta a sei, in ottobre, le frequenze settimanali da entrambi gli scali di Roma e Milano. Le rotte domestiche in Spagna sono quasi totalmente operative mentre sul lungo raggio vola oggi verso Asunción, Buenos Aires, Guayaquil, Lima, Montevideo, Quito, Santa Cruz de la Sierra, Santo Domingo, Sao Paulo, contando di riuscire a riaprire tutte le rotte entro fine anno.

“Stiamo monitorando gli sviluppi della situazione internazionale, in modo da essere pronti a offrire nuovamente ai nostri clienti la possibilità di poter viaggiare verso tutte le destinazioni del nostro network”, spiega Andrea Funes, direttore commerciale per l’Italia del vettore (a destra nella foto con il counrty manager Robero Scaffidi). “Le nostre strategie sono in questo momento legate alla situazione dei singoli Paesi dove operiamo, non permettendoci di focalizzarci su particolari destinazioni. Siamo in attesa di poter mettere in atto progetti più a lungo termine per poter recuperare il gap che si è venuto a creare in questi ultimi mesi”.

“Stiamo riscontrando - prosegue - una lenta ma costante ripresa del traffico dove l’etnico è divenuto l’attore principale. Non registriamo particolari difficoltà tecniche nell’applicare i protocolli richiesti in materia di distanziamento e sanificazione degli aeromobili. Anzi, abbiamo integrato le azioni disposte dalle autorità competenti per poter permettere ai nostri clienti di viaggiare in tutta sicurezza. Per quanto riguarda la situazione in Spagna, malgrado sia ancora di grave difficoltà, contiamo la maggior parte delle rotte già attive ma è questa situazione generale di emergenza in atto che porta forzatamente a ricadute economiche del sistema che non si colmeranno finché vivremo quest’incertezza nel mercato”.

Air Europa recupera così l’operatività verso l’America Latina dove, entro la fine dell'anno, prevede di raddoppiare il numero di voli attuali e di incrementare le frequenze procedendo, inoltre, con l’integrazione progressiva di nuove destinazioni, aumentando così i posti disponibili del 72% rispetto a oggi.

Malgrado la programmazione continui a essere soggetta all'evoluzione della pandemia e alla conseguente revoca delle misure restrittive imposte dai diversi Paesi, oltre che al flusso di domanda attiva, la compagnia aerea del gruppo Globalia, da novembre, riprenderà a volare con frequenza settimanale verso Bogotá, Medellín, Caracas e L'Avana e, a partire da dicembre, porterà da due a tre le frequenze settimanali per Santo Domingo e aggiungerà un ulteriore collegamento per Quito e Guayaquil, per un totale di due collegamenti settimanali.

Da dicembre Air Europa aggiungerà una frequenza settimanale verso Bogotá, L'Avana, Buenos Aires, Lima e Santa Cruz in Bolivia. Inoltre, in occasione delle vacanze natalizie, riattiverà i collegamenti per Miami, Panama, Punta Cana e Salvador de Bahía, con due frequenze settimanali per ciascuna destinazione.

Seguendo questo piano, entro la fine dell'anno, la compagnia opererà 18 delle 23 destinazioni americane del suo network, prevedendo di riaprire tutti i collegamenti internazionali nel marzo del prossimo anno, quando riprenderanno i voli per New York, Cancun, Fortaleza e Recife. Su Córdoba, seconda destinazione in Argentina, i collegamenti verranno ripristinati non appena saranno rimosse le restrizioni.

Questa nuova operatività si somma ai voli già attivi in Spagna dalla fine di giugno e a quelli europei e transatlantici introdotti a luglio tra cui San Paolo, Montevideo, San Pedro Sula, Santo Domingo, Quito, Guayaquil e Santa Cruz, senza contare i voli speciali che la compagnia aerea effettua per Buenos Aires, Asunción e Lima.

Attualmente, Air Europa opera in più di 25 destinazioni nazionali ed europee e per favorire la ripartenza continua a promuovere una politica commerciale flessibile che consente un cambio data gratuito su tutte le prenotazioni effettuate.

Sul futuro pesano soprattutto valutazioni in termini di fusioni, acquisizioni e partnership.

“Per la nostra compagnia - conclude Funes - il percorso verso l’integrazione con altri gruppi è già stato avviato in epoca pre-Covid e riteniamo che per molte altre questa stia un po’ nell’evoluzione naturale delle cose”.

Paola Olivari

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us