EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

A4E all’Ue: “Ci vuole un approccio comune per le restrizioni anti Covid-19”

15/09/2020 13:00
L’associazione invita la Commissione europea a gestire il rischio epidemiologico dei viaggi con una mappa unica in continuo aggiornamento e linee guida condivise per passeggeri ed equipaggi - di Simona Zin

Airlines for Europe ha esortato i leader dell'Ue ad adottare rapidamente un approccio rinnovato e comune nei confronti delle restrizioni di viaggio relative al Covid-19, per supportare meglio il settore dell'aviazione e stimolare la più ampia ripresa economica dell'Europa. La proposta sostiene la recente raccomandazione del Consiglio della Commissione europea e l'iniziativa della presidenza tedesca dell'Ue che chiede la creazione di una mappa europea con codici colore, basata sui dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).

L’associazione chiede l'adozione di criteri e soglie comuni per valutare il rischio epidemiologico di viaggiare da o verso determinate aree, come il tasso di incidenza (casi Covid-19 positivi per 100.000 abitanti) e il tasso di positività dei test per l'infezione da Covid-19. Chiede inoltre che le misure siano attuate a livello regionale, sulla base dei dati dell'Ecdc, invece di limitare le restrizioni nazionali generali.

È necessario inoltre utilizzare test Covid-19 e un tracciamento dei contatti migliorati al posto delle quarantene, poiché i test consentono una mitigazione del rischio mirata a livello individuale. Gli stati membri dovrebbero continuare a investire per rendere disponibili ai passeggeri test Covid-19 rapidi e affidabili poco prima della partenza. “Gli europei non sono stati in grado di godersi adeguatamente una meritata pausa estiva a causa delle caotiche restrizioni alle frontiere insieme alla confusione sulle quarantene, sui diversi moduli di localizzazione dei passeggeri e sui requisiti dei test. È fondamentale avere un programma di test europeo unificato se vogliamo avere qualche possibilità di ripristinare la fiducia dei passeggeri”, ha affermato Thomas Reynaert, amministratore delegato di A4E.

Sebbene luglio abbia visto un piccolo aumento del numero di voli e del traffico passeggeri, queste cifre si sono fermate ad agosto, con solo il 30% dei viaggiatori rispetto allo scorso anno. “Il Consiglio dell'Ue deve fare di questo problema una priorità politica. Misure nazionali non coordinate negli ultimi sei mesi hanno avuto un impatto devastante sulla libertà di movimento - un principio fondamentale dell'Ue - con significativi effetti a catena per il nostro settore dei viaggi e del turismo”, ha affermato Benjamin Smith, Ceo del gruppo Air France-Klm e presidente di A4E .

“Le misure divergenti degli Stati membri, spesso attuate con brevissimo preavviso, sulla base di criteri diversi e non sufficientemente coordinate con altri Stati, hanno fatto precipitare la domanda dei passeggeri”, ha aggiunto Smith. “Un approccio rinnovato e comune alle limitazioni di viaggio, come delineato nella nostra proposta, fornirebbe alle compagnie aeree e ai nostri passeggeri la chiarezza e la prevedibilità di cui abbiamo bisogno, migliorando la connettività transfrontaliera e ripristinando l'integrità dello spazio Schengen / Ue. Gli Stati membri dovrebbero applicare urgentemente criteri comuni anche ai paesi terzi in modo che il traffico intercontinentale possa riprendere nel modo più rapido e sicuro possibile”, ha concluso Smith.

Le restrizioni di quarantena dovrebbero essere uno strumento di ultima istanza, con la durata della quarantena uguale in tutta Europa. Si raccomandano inoltre chiare esclusioni dalle restrizioni di viaggio e misure di quarantena per il personale della compagnia aerea, l'equipaggio, i passeggeri in transito e i passeggeri con uno specifico tipo di viaggio a basso rischio. Lo staff della linea aerea è formato per seguire specifici programmi di igiene ed è sotto la stretta supervisione dei vettori europei. I viaggiatori che, ad esempio, rimangono in una zona a rischio per meno di 72 ore e hanno contatti minimi con la popolazione locale sono a minor rischio di infezione e dovrebbero quindi essere esclusi. In tutti i casi, gli Stati membri dovrebbero essere responsabili della raccolta dei dati sui viaggiatori e dell'applicazione delle misure appropriate.

Infine, gli Stati membri dovrebbero anche adottare l'ultimo standard Icao per i moduli di localizzazione dei passeggeri e di dichiarazione sanitaria. Dovrebbe essere responsabilità delle autorità sanitarie nazionali controllare se i passeggeri hanno compilato questi moduli, non delle compagnie aeree. Gli Stati membri dovrebbero astenersi dall'infliggere ammende alle compagnie aeree se tutti i dati non sono stati compilati dai passeggeri. Inoltre, i moduli di localizzazione dei passeggeri e le schede di dichiarazione sanitaria dovrebbero essere resi disponibili in formato digitale.

Simona Zin

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us