EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Iata: la ripresa rimandata al 2024

29/07/2020 11:28
Le prospettive di recupero più pessimistiche sono da ricondurre ad una serie di tendenze recenti quali il contenimento del virus lento negli Stati Uniti e nelle economie in via di sviluppo, unitamente alla riduzione dei viaggi aziendali

Il traffico passeggeri globale non tornerà ai livelli pre-covid fino al 2024, un anno dopo rispetto a quanto precedentemente previsto. E' quanto ha comunicato Iata in una nota, che ha aggiornato le stime.

Il recupero nei viaggi a corto raggio dovrebbe ancora avvenire più rapidamente rispetto a quelli a lungo raggio. Di conseguenza, il numero di passeggeri si riprenderà più rapidamente del traffico misurato in Rpk. Il recupero ai livelli pre-covid, tuttavia, slitterà di un anno dal 2022 al 2023. Per il 2020, si prevede che il numero di passeggeri globali (aerei) diminuirà del 55% rispetto al 2019, con un peggioramento rispetto alle previsioni di aprile del 46%.

Il traffico passeggeri di giugno ha prefigurato la ripresa più lenta del previsto. Il traffico, misurato in Rpk, è diminuito dell'86,5% rispetto al periodo dell'anno precedente. Un lieve miglioramento rispetto alla contrazione del 91,0% di maggio. 

Le cause 

Le prospettive di recupero più pessimistiche sono da ricondurre ad una serie di tendenze recenti quali il contenimento del virus lento negli Stati Uniti e nelle economie in via di sviluppo: sebbene le economie sviluppate al di fuori degli Stati Uniti abbiano avuto un notevole successo nel contenere la diffusione, si sono verificati nuovi focolai così come in Cina. Inoltre, vi sono pochi segni di contenimento in molte importanti economie emergenti, che assieme agli Stati Uniti rappresentano circa il 40% dei mercati globali dei viaggi aerei. La loro continua chiusura, in particolare per i viaggi internazionali, è un freno significativo per la ripresa.

Tra i fattori c'è la riduzione dei viaggi aziendali, i budget dovrebbero essere molto limitati poiché le aziende continuano ad essere sotto pressione finanziaria anche se l'economia migliora. Debole fiducia dei consumatori dovuta alle preoccupazioni per la sicurezza del lavoro e all'aumento della disoccupazione, nonché i rischi di contrarre il virus. 

Il parere di Alexandre de Juniac

“Il traffico passeggeri ha toccato il fondo in aprile, ma la forza della ripresa è stata molto debole. Il miglioramento è stato sul fronte dei voli interni - fa presente Alexandre de Juniac, direttore generale e ceo di Iata -. I mercati internazionali rimangono in gran parte chiusi. La fiducia dei consumatori non è aiutata dalla decisione del fine settimana del Regno Unito di imporre una quarantena generale a tutti i viaggiatori che tornano dalla Spagna. E in molte parti del mondo i contagi sono ancora in aumento. Tutto ciò indica un periodo di recupero più lungo e una maggiore sofferenza per l'industria e l'economia globale", ha dichiarato il manager.
Quanto alle compagnie aeree, "questa è una cattiva notizia che indica la necessità per i governi di continuare con misure di soccorso, finanziarie e non", ammonisce de Juniac.

Lo scenario attuale stop-start

“Nonostante i miglioramenti del traffico interno, il traffico internazionale, che in tempi normali rappresenta quasi i due terzi dei viaggi aerei globali, rimane praticamente inesistente - prosegue il manager -. La maggior parte dei Paesi è ancora chiusa agli arrivi internazionali o ha imposto la quarantena, che ha lo stesso effetto di un blocco totale. L'estate - la stagione più intensa del nostro settore - sta passando rapidamente; con poche possibilità di una ripresa dei viaggi aerei internazionali a meno che i governi non si muovano rapidamente e con decisione per trovare alternative alle chiusure delle frontiere, alle riaperture stop-start che distruggono la fiducia e alla quarantena che uccide la domanda".


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us