EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

L’emergenza climatica forza una rivoluzione nel settore

24/06/2020 09:20
L'attenzione si sposterà gradualmente dai protocolli di salute e sicurezza all'incombente emergenza ambientale. Euromonitor analizza i trend futuri

A seguito del Coronavirus, quasi il 60% dei consumatori ha dichiarato che ridurrà i propri viaggi internazionali a breve e medio termine. Lo sostiene Euromonitor nel suo ultimo report, redatto da Caroline Bremmer, head of travel research della società, dal titolo "Climate Emergency to Force a Revolution in the Industry". La buone notizia per l'industria dei viaggi, ma meno per il pianeta, è che i consumatori alla fine torneranno ai viaggi internazionali nel lungo termine, secondo un'indagine dell'azienda, “International Voice of the Industry” dell'aprile 2020. La necessità di ridurre le emissioni di carbonio mentre l'avvio dell'aviazione e del turismo è al centro dello sforzo globale di recupero della pandemia, è una dicotomia che deve bilanciare le preoccupazioni economiche, sociali e ambientali.

Poiché la scadenza per gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite è al 2030 e la necessità di raggiungere quota zero emissioni si intensifica, l'attenzione del settore dei viaggi si allontanerà gradualmente dai protocolli di salute e sicurezza per l'incombente emergenza climatica. Le generazioni più giovani, come i millennial e Generazioni Z e Alpha, sono più coinvolte nell'emergenza climatica rispetto ad altre fasce d'età. Esse contribuiranno a provocare un cambiamento radicale nel comportamento e negli atteggiamenti su come e perché le persone viaggiano.

La futura esperienza di viaggio sarà personalizzata e offrirà servizi continui e sicuri di alto valore, incentrati sul consumatore, grazie ad una trasformazione digitale accelerata post-pandemia. Questi nuovi progressi nella tecnologia introdurranno una nuova era di automazione, che richiederà un miglioramento delle competenze dei dipendenti, costretti a fornire livelli superiori di servizio ad alta qualità. Il monitoraggio dell'impatto climatico su consumatori, marchi e destinazioni sarà fondamentale per costruire resilienza, agilità e velocità per accelerare la “green transition”. Il white paper di Euromonitor delinea una visione di come i consumatori prenoteranno e sperimenteranno i viaggi nel 2040, esplorando come la tecnologia e la necessità di sostenibilità potrebbero cambiare l'esperienza travel nei prossimi 20 anni. In particolare, l’analisi si concentra sul futuro dei viaggi, esplorando come saranno gli agenti di viaggio online, la mobilità urbana, i viaggi aerei e gli hotel.

Il Covid e il settore dei viaggi
Il settore dei viaggi e del turismo è stato il più colpito dalla pandemia di Covid-19. Di conseguenza, il 100% delle destinazioni in tutto il mondo ha implementato divieti di viaggio o restrizioni per prevenire la diffusione della malattia nel 2020, secondo l’Unwto. Nello scenario Covid-19 peggiore delineato da Euromonitor International,  la domanda mondiale di turismo potrebbe precipitare dell’80% nel 2020, con potenziale ripresa ai livelli pre-crisi in quattro anni.

Per le destinazioni popolari e le comunità locali, l'arresto ha causato un doloroso impatto economico e sociale, soprattutto nei luoghi in cui le persone dipendono fortemente dai viaggi per sostentamento e lavoro. Tuttavia, la pandemia ha offerto un'opportunità unica per ripristinare e mettere la sostenibilità e le esigenze della comunità al centro.

A lungo termine, la digitalizzazione accelererà, poiché i marchi mirano a fornire ai clienti interazioni sicure per il consumatore. Big data, analisi e intelligenza artificiale (Ai) rimarranno le massime priorità per le imprese di viaggio. In un mondo in cui le interazioni da uomo a uomo saranno minimizzate, le vendite si sposteranno sempre più online e le transazioni diventeranno senza contatto man mano che assistenti digitali e chatbot forniranno ai clienti servizi personalizzati. I robot eseguiranno compiti umili e ripetitivi come il ritiro e la raccolta dei bagagli.

La consapevolezza dei consumatori pre-Covid sui cambiamenti climatici ha raggiunto una massa critica, con il 65% degli utenti globali nel 2020 che afferma di essere preoccupato. C'è stata anche una grande ondata di supporto per l’emergenza climatica, guidata da Greta Thunberg.
Nell'immediatezza della pandemia, i problemi di salute e sicurezza hanno avuto la precedenza, ma la necessità di un business sostenibile e resiliente è ancora maggiore durante la ricostruzione. Le generazioni più giovani sono più coinvolte nelle cause sociali e ambientali e uno spostamento permanente verso l'interazione e l'acquisto di marchi che sono attenti a questo aspetto è già in moto, con il 23,2% dei consumatori globali che acquista da marchi orientati in tal senso.
In termini di scelta di opzioni di viaggio sostenibili, i millennial e i baby boomer mostrano il maggiore interesse, mentre i prezzi più alti probabilmente diminuiranno l'attrattività per la generazione Z. Complessivamente, i consumatori di tutte le età ricercheranno sempre più esperienze di viaggio sostenibili.

Opportunità di refocus

La pandemia ha fatto luce sulla fragilità della vita. Dato che è stato chiesto alle persone di rimanere a casa, c'è stato è stato un grande spostamento verso il commercio iper-locale e una riscoperta di beni e servizi di quartiere.
Dopo che l'arresto globale dei viaggi ha iniziato a diminuire, i marchi e le destinazioni che hanno avuto maggiori probabilità di sopravvivere sono stati quelli che hanno mostrato creatività, collaborazione ed empatia durante la crisi. I marchi che hanno ribadito valori fondamentali come la cura dei propri dipendenti e clienti saranno ricordati per la valorizzazione delle persone oltre il profitto.
I marchi post-pandemici e agili che si adattano rapidamente a nuove misure e protocolli, abbracciano nuovi modi di lavorare e accelerano il successo della trasformazione. Essi devono offrire una proposta capace di far convergere il digitale con esperienza, sostenibilità e finalità.
Nel corso dei prossimi due decenni, si prevedono grandi progressi nelle nuove tecnologie come l'Ai, l’automazione e la robotica. Una volta che il 5G sarà accessibile a livello globale, ciò porterà a una maggiore velocità e maggiore efficienza nei servizi di viaggio lungo tutto il percorso del cliente.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us