EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

"I prezzi non si toccano, il prodotto non si svende"

23/06/2020 11:50
Quest'anno non ci sono le condizioni per essere aggressivi anche per le stesse adv. Gli operatori si dichiarano fermi sulla politica del prezzo da catalogo - di Nicoletta Somma e Stefania Vicini

Un pricing ben studiato, dovrà essere così quest'anno, anche se sarà ancora più difficile come stagione, sia per gli operatori, con impegni dimezzati e costi lievitati da sostenere, dovuti alla necessità di adeguarsi alle norme e ai protoccolli sanitari che hanno inevitabilmente comportato una ricaduta sulle spese, sia per il cliente finale, che avrà un budget più limitato da spendere per le vacanze (per chi potrà permettersele). Ma la sfida sarà proprio questa. A confrontarsi sul tema alcuni player del settore in occasione di un recente e-MARTEDIturismo che ha analizzato la ripartenza del Mare Italia

Gli operatori lo sanno e sono intenzionati a mantenere la promessa. "I tariffari sono rimasti quelli - rassicura Isabella Candelori, direttore commerciale Nicolaus Tours -, non ci sono state modifiche a livello di pricing, mentre è confermata la dinamicità del prezzo". Tutto questo è stato fatto "seppur i costi alberghieri sono cambiati in modo importante", osserva la manager.
I prezzi li fa il mercato, ma quest'anno dovremo attenderci del dumping o un aumento del pricing? "Fare del dumping è farsi del male tutti - osserva Candelori -. Così come tutti abbiamo perso tre mesi di ossigeno, pensiamo anche al fatto che sono saltati i viaggi di nozze, ipotizzare di abbassare i prezzi è follia", dice convinta. Dal canto suo il gruppo proverà a mantenere i prezzi e ad "alzarli a vantaggio di tutti, il che vuol dire prodotto sicuro al cliente, adv remunerate e continuità dei t.o". 

Le buone intenzioni ci sono ed anche le regole d'oro: "Mai ribaltare sul cliente le differenze di prezzo per investimenti affrontati - afferma Belinda Coccia, direttore vendite Futura Vacanze -. Semmai bisogna andare a recuperare il cliente che ha dovuto annullare". Da qui una delle mosse fatte dall'operatore quale quella di riconoscere un incentivo tangibile a chi decide di utilizzare i buoni emessi in risposta al blocco delle vacanze imposto dal Coronavirus.
Dal canto suo la manager concorda con il fatto che non si possa scendere di prezzo, "non ci sono le condizioni per essere aggressivi anche per le stesse adv - osserva -, è rinunciare ad una fetta di redditività che quest'anno è fondamentale, siamo pertanto fermi sulla politica del prezzo da catalogo, non dobbiamo svendere un prodotto che stiamo garantendo, non la vedo una strada percorribile". 

Aeroviaggi ha prolungato fino al 15 giugno la promozione speciale che prevede il prezzo di 75€ a notte a persona, nella formula weekend, valida per soggiorni durante i mesi di giugno e luglio, “ma dal 15 in poi è stata portata da 75 euro a 115”, spiega il direttore commerciale Fabrizio Di Trapani. “La qualità Aeroviaggi ha un costo: dal 3 luglio ci sarà un adeguamento dei prezzi”. Inevitabilmente in un anno come questo la redditività sarà intaccata: “Speriamo di chiudere con 40-50 mln, non di certo con 90”. Ma il manager lancia un j’accuse: “Un volo Milano-Palermo non può costare 500 euro. Anche i vettori ci devono aiutare”.

I prezzi non si possono abbassare – sostiene Massimo Diana, direttore commerciale Ota Viaggi - ei costi si sono raddoppiati. Abbiamo deciso di fare una programmazione con un prezzo da cui non ci spostiamo, quest'anno non si possono fare voli pindarici, ma abbiamo fatto un unico prezzo per tutti e dato uno scaffale di prodotto per affrontare i prossimi mesi”. L’obiettivo è “cercare di dare la massima tranquillità e serenità. E’ il momento di scendere dai piedistalli – ammonisce Diana – ed essere compatti. Rimbocchiamoci le maniche lavorando per tenere il mercato del turismo in piedi”.

Dal fronte della distribuzione si leva un invito, quello di "tutelare la redditività delle gestioni, ai t.o. di fare prezzi adeguati a una capacità di spesa che si è ridotta, fare quindi dei prezzi giusti", ammonisce Giorgio Lotti, direttore commerciale Via con Noi – Gruppo Robintur.

Nicoletta Somma e Stefania Vicini


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us