EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Costa Toscana e Costa d’Amalfi, ripartenza all’insegna della sostenibilità

20/05/2020 14:02
Entrambe le realtà stanno portando avanti important progetti per assicurare servizi zero plastica e una rete di mobilità elettrica integrata - di Gwen Marletta

Digitalizzazione e sostenibilità, sono questi gli elementi comuni sui quail si stanno concentrando Costa Toscana e Costa d’Amalfi per pianificare la ripartenza. “I turisti internazionali sono disposti a pagare fino al 10-15% in più sui pacchetti vacanze se certificati come sostenibili”, afferma Francesco Palumbo, direttore di Toscana Promozione, chiarendo come con il termine non si intenda solamente un’attenzione per l’ambiente, ma anche la durevolezza nel tempo di un progetto.

In questo senso entrambe gli enti, Toscana Promozione e Costa d’Amalfi, si sono mossi per assicurare servizi zero plastica e una rete di mobilità elettrica integrata. “Le azioni sono le stesse, ma declinate differentemente a seconda del territorio a cui sono applicate”, sottolinea Andrea Ferraioli, presidente della Rete di sviluppo turistico Costa d’Amalfi.
Rientrano in questo ambito colonnine di ricarica per bici e monopattini e la collaborazione con Nugo e Ferrovie dello Stato.
Il Distretto Turistico ha lanciato anche la piattaforma Junker, per la riduzione dei rifiuti, e LittleHunter un progetto per la pulizia delle spiagge tramite droni e sentinelle spazzamare.

La sostenibilità è strettamente legata anche al rispetto della tradizione. “Dove c’è storicità, la sostenibilità viene da sé”, spiega Antonio Arrighi, proprietario delle cantine Arrighi sull’isola d’Elba. Sfruttare le qualità intrinseche del territorio e fornire prodotti che parlino delle terre da cui nascono sembra essere non solo una decisione etica, ma anche fruttuosa a livello commerciale. A confermare questo trend anche Ennio Cavaliere, ceo di OthiumSPA: “Abbiamo semplicemente recuperato gli equilibri del passato per fornire un servizio che risponda alle esigenze del presente”, conclude, evidenziando anche la necessità di una gestione intelligente della domanda.

Gwen Marletta


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us