EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

La ripresa pre Covid-19 delle crociere sul Nilo

31/03/2020 14:03
Si registrava un trend in crescita pre-restrizioni imposte dall’epidemia e a testimoniarlo erano gli operatori. La situazione attuale, alla luce del blocco dei voli - di Nicoletta Somma

Era un prodotto in netta ripresa, con un trend in crescita pre-restrizioni imposte dall’epidemia di Covid-19 e a testimoniarlo erano gli operatori: si trattava delle crociere sul Nilo. C’era richiesta ed interesse sia per proposte da catalogo che su misura, con un incremento esponenziale sia sulla stagione invernale, sia sull’estate. Ora, però, il governo egiziano ha sospeso dal 19 marzo ogni volo da/per il Paese. “A partire da aprile, in teoria, gli italiani potrebbero regolarmente fare viaggi in Egitto – testimonia Antonio D’Errico, product manager Medioriente e Egitto di Mistral -. Non ci sono restrizioni per l'ingresso dei nostri connazionali, al momento. Ovviamente si tratta di informazioni suscettibili di cambiamenti di ora in ora”. Teoricamente dunque, le crociere sul Nilo saranno nuovamente disponibili: “Abbiamo prenotazioni in essere per i mesi estivi e in autunno”, aggiunge il manager.

Anche Silvia Russo, managing director legale rappresentante dell’Agenzia Viaggi Rallo, parla di “prenotazioni per i mesi a venire, ma chiaramente stiamo seguendo l’evoluzione assieme alle agenzie e ci atteniamo alle disposizioni delle autorità e ai decreti ministeriali. Il nostro augurio e degli egiziani, con i quali siamo in contatto quotidiano, è che tutto finisca al più presto, per tutti. Altro da aggiungere, oggi, non c’è”.

Il ministro del Turismo e delle Antichità Khaled el-Anani ha dichiarato di recente che le perdite mensili di turismo dovute al blocco raggiungeranno quota $ 1 miliardo. Secondo il primo ministro Mustafa Madbouly le perdite derivanti dalla sospensione del traffico aereo potrebbero raggiungere i 2,25 miliardi di sterline egiziane (circa $ 143 milioni). A parere degli esperti la situazione potrebbe diventare più chiara a partire dalle prenotazioni per la stagione estiva, in giugno e luglio.

Il turismo contribuisce al 12% del Pil e impiega il 10% della forza lavoro del Paese.

Nicoletta Somma


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us