EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Ancillary e vettori: il mercato globale vale 92,89 miliardi di dollari

24/01/2020 08:33
Una tendenza che avrà un impatto ancora più significativo è il wi-fi in volo. Intanto il fronte low cost prosegue la sua marcia nella conquista di ulteriori spazi

Il mercato globale dei servizi ancillari delle compagnie aeree è ammontato a 92,89 miliardi di dollari nel 2018 e dovrebbe crescere a un Cagr (Compound Annual Growth Rate), o tasso annuo di crescita composto, del 18,5% durante il periodo di previsione 2019-2027, per arrivare a 412,86 entro il 2027.

 Con le tariffe aeree in calo di quasi il 40% negli ultimi due decenni, i player del mercato ancillary delle major vedono nella concorrenza la sfida più significativa da affrontare, in particolare da parte del fronte low cost, che offre tariffe a basso costo.

L'impatto del wi-fi a bordo

Una tendenza che avrà un impatto ancora più significativo è il wi-fi in volo delle compagnie, aprendo ulteriormente le porte a nuove opportunità, dal momento che offre al passeggero la possibilità di proseguire la vita di tutti i giorni a 35.000 piedi, sia che si tratti di controllare le e-mail o lo streaming da Netflix.
Le previsioni dicono vettori come Lufthansa, Austrian Airlines ed Eurowings forniranno presto ai loro clienti una banda larga "casalinga", mentre Air France-Klm, Sas, Finnair, British Airways, Aer Lingus e Iberia sono alcune delle aziende che presto saranno dotate di apparecchiature di connettività di ultima generazione.

L'ascesa del low cost

Non solo, i vettori a basso costo continueranno a cercare di conquistare quote di mercato nel mondo dei servizi ancillari delle major. Tuttavia, le proposte offerte dalle low cost sono sempre più convergenti: diversi vettori hanno iniziato a fornire ai propri clienti servizi upgrade pay-as-you-go. Una tendenza che è particolarmente evidente nei mercati emergenti in cui i passeggeri stanno diventando sempre più sofisticati, aumentando la loro richiesta per una più ampia gamma di servizi a bordo. Ad esempio, in Cina e nel Sud-est asiatico, le low cost carrier hanno adottato un modello ibrido per attrarre clienti che si sentiranno a proprio agio pagando un piccolo extra per servizi migliori.
In risposta, alcuni vettori come American Airlines, hanno rivisto i loro modelli per offrire pacchetti no frills rivolti a segmenti di clientela attenti al valore. 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte
Registrati

Follow Us