EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Google Maps diventa App pigliatutto

20/09/2019 16:25
Il gigante di Mountain View ha deciso di premere l'acceleratore sulla monetizzazione della sua applicazione "geografica", utilizzata da oltre un miliardo di utenti. Ecco come

Utile lo è sempre stato, e molto, fin dal suo lancio nel 2005. Quanto al dimostrarsi altrettanto remunerativo per i bilanci di Mountain View, invece, Google Maps non ha finora dato prove schiaccianti. Principalmente per scelta di Google stessa, che ha però recentemente deciso di spingere forte sull'acceleratore della monetizzazione per il servizio di geolocalizzazione e mappatura più diffuso nel mondo, con oltre un miliardo di utenti che lo utilizzano in 240 Paesi.

A dare notizia del'inversione di rotta è stata una ricerca di un analista di Morgan Stanley, Brian Nowack, che ha preconizzato per il quarto trimestre del 2019 la fine della fase beta per i prodotti di advertising dell'applicazione, mossa che garantirà già nel 2020 un aumento delle entrate del +64%, fino a 4,86 miliardi di dollari.

Ma non si tratterà di sola pubblicità geolocalizzata a disposizione dei viaggiatori di mezzo mondo: l'operazione garantirà infatti una vetrina mondiale a nuovi prodotti di viaggio (al momento non meglio specificati), funzionalità di realtà aumentata e punti di interesse personalizzati che individueranno le singole aziende.

Questi elementi, secondo la ricerca di Nowack, "aumenteranno ulteriormente l'utilità dell'applicazione per l'utente e il potenziale di monetizzazione di Google Maps". Guardando sul medio periodo, lo studio di Morgan Stanley stima che le entrate di Maps, sia per le ricerche desktop che - in misura dieci volte maggiore - per i dispositivi mobili, raggiungeranno un totale di oltre 11 miliardi di dollari nel 2023. Numeri da vero e proprio boom per quello che Nowack definisce "un servizio di utilità simile a quello del motore di ricerca web, ma attualmente tra i meno monetizzati in assoluto". Sullo sfondo c'è la possibilità, per Maps, di diventare una utility onnicomprensiva per la navigazione, le opzioni di trasporto e le ricerche di prossimità per hotel, ristoranti, centri benessere, punti vendita e via acquistando. Ancor più vero, questo elemento, se si pensa al possibile merge operativo con altri strumenti dell'ecosistema digitale di Google, non ultimi quelli dedicati agli hotel, ai voli e allo shopping.

Il pezzo completo è su Guida Viaggi n. 1576, scaricabile qui


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte