EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Air France: “In Italia ottimo lavoro di squadra”

05/09/2019 09:20
Jérome Salemi tira le somme dei suoi quattro anni di lavoro in Italia; 14 gli aeroporti coperti e 8 le nuove rotte aggiunte; più efficienza e semplificazione per il trade

“Lascio l’Italia con la convinzione di aver fatto un ottimo lavoro di squadra”. Con queste parole annuncia il suo commiato dal mercato italiano Jérome Salemi, general manager for East Mediterranean di Air France, che lascia il posto a Stefan Vanovermeier, proveniente dagli uffici di Tokyo.

Un bilancio positivo quello dei quattro anni vissuti in Italia. “Ci sono aspetti visibili, come il numero di rotte”, spiega Salemi ricordando di aver aperto otto destinazioni in quattro anni, cinque con Air France (Bari, Catania, Palermo, Cagliari e Olbia su Parigi) e tre con Klm (Catania, Cagliari e Genova).

“Le rotte funzionano bene – sottolinea -: alcune sono stagionali ma altre sono diventate annuali. Ora siamo più presenti al Sud e nelle isole e abbiamo una copertura su 14 aeroporti e questa estate abbiamo registrato un record”.

Un’altra area di intervento riguarda il rapporto con il trade: “Abbiamo semplificato l’organizzazione sales, assumendo anche la rappresentanza di Delta. Le agenzie di viaggi hanno così beneficiato per il fatto di rapportarsi con un solo venditore, che visita i punti vendita a nome e per conto di entrambe le compagnie, con un unico contratto di incentivazione e un’unica squadra commerciale a sostegno”.

Il gruppo ha anche lavorato con Alitalia sulle rotte transatlantiche “e migliorato le relazioni con il vettore”. Un altro aspetto sul quale la squadra di Salemi ha investito riguarda la rappresentanza del vettore brasiliano Gol. “Lo rappresentiamo sul mercato italiano da inizio 2019”.

Per la parte sales, è stata riorganizzata la squadra vendite “per essere più presenti nelle regioni”. Sul piano marketing il direttore ha lavorato sulla brand awareness, in particolare per far crescere la notorietà di Klm, posizionandola come compagnia leader sul tema sostenibilità. Altra azione di marketing con Klm riguarda la partnership con Armata di Mare.

Un ultimo aspetto meno visibile all’esterno rientra nella sfera dell’efficienza di squadra: “E' stato esteso il perimetro di responsabilità (oltre a Italia, Grecia, Turchia, Cipro e Israele) su marketing, pricing, mentre le vendite sono rimaste distinte".

L’Italia resta per noi un mercato cruciale”, ha concluso il manager, anticipando che le novità del network saranno rese note a inizio ottobre e che il 7 ottobre prossimo sarà una data da ricordare perché ricorreranno i 100 anni di Klm. l.d.


Sul prossimo numero di Guida Viaggi l’intervista completa al manager.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte