EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

La virata cashless un volano per il business turistico

19/07/2019 08:35
Le transazioni con carta di credito agevolano l’acquisto ai consumatori e per le aziende producono big data in grado di incidere su scelte strategiche e commerciali

“Vogliamo essere la prima città cashless del Paese”. Con questo obiettivo il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha introdotto per la sua città la novità del pagamento contactless nei mezzi di trasporto pubblico. Stiamo parlando di 355 autobus di Ataf e 15 di Busitalia, dei servizi Volainbus e The Mall.

Dopo essere stata la prima città a prevedere il pagamento con sms sui bus e a vantare un primato per la qualità della flotta di veicoli e l’introduzione di mezzi ibridi ed elettrici, ora un ulteriore passo avanti, grazie ad una collaborazione con i principali circuiti di carte di credito e la partnership di Intesa Sanpaolo.

Se da un lato gli interlocutori parlano di un potenziamento della qualità del servizio reso, rivolto sia ai residenti che ai turisti, la vera rivoluzione del cashless va vista anche “nel ruolo di volano per lo sviluppo del business turistico e nella messa a disposizione di “analytics” che potranno incidere sulle scelte strategiche e commerciali delle aziende coinvolte”, ha commentato Filippo Manca, merchant sales and solutions Southern Europe di Visa.

“Lo sviluppo del sistema – ha detto ancora Manca – è in via di adozione anche in altre città italiane (a Roma è partita una gara per la linea metropolitana, ndr) ed è ipotizzabile una forte crescita del fatturato turistico grazie al cashless. Si è già visto a Londra e anche Firenze ha forti potenzialità in questo senso, compreso l'uso del sistema per l'intermodalità”.

La tecnologia end-to-end che si sta affermando nella vendita di prodotti e servizi da un lato agevola l’esperienza d’acquisto del consumatore finale, ma dall’altra taglia via il ruolo di semplice intermediario nella vendita.

Sarà così anche nella vendita di biglietti per il trasporto pubblico. Stefano Bonora, a.d. di Ataf Gestioni, conferma che è prevedibile un risparmio rispetto ad un 4% che è il costo dell’intermediazione dovuto agli esercenti (“ma ci saranno sempre dei target che continueranno ad acquistare in tabaccheria o edicolanti”, ha precisato), contro un costo per le transazioni via carta di credito “sotto il 2%”, spiega a questa agenzia di stampa Jacopo Zaccaria, team manager Intesa Sanpaolo.

Il nuovo servizio cashless “rappresenta un elemento di garanzia, di tracciabilità e una semplificazione burocratica per la gestione dell’azienda”, ha aggiunto Nardella.

“Nel piano industriale di Fs stiamo cercando di cambiare l’immagine del trasporto pubblico locale – ha riferito Stefano Rossi, a.d. di Busitalia e presidente di Ataf Gestioni -. L’investimento fatto a Firenze come gruppo riguarda l’intero servizio urbano e anche i collegamenti Volainbus e The Mall per un totale di 370 autobus. Si tratta di modelli di transazione sicura attraverso i circuiti Visa, Mastercard, Maestro, V Pay. Avremo benefici enormi per la customer experience”. l.d.

 

 


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte