EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Il valore del capitale umano

17/06/2019 08:55
I gap da colmare per soddisfare le esigenze della domanda, il confronto con l'estero e l'importanza delle soft skills per imporsi sul mercato. Le ragioni del progetto "Italian Hotel School"

Asset, gestioni, capitale umano e innovazione. Sono le quattro direttrici di intervento di Cdp, Ne ha parlato Fabrizio Palermo, amministratore delegato della società controllata dal Tesoro, presentando il progetto di riqualificazione dell’ex Ospedale a mare di Venezia.

Se nel campo delle infrastrutture le attività di Cdp vanno dal settore autostradale a quello aeroportuale, viario e della banda larga, nel settore delle gestioni si è messo in luce per le partecipazioni in Rocco Forte e TH Resorts.

“Oggi puntiamo l’attenzione su due nuovi temi, quelli del capitale umano e della formazione – ha dichiarato Palermo -. Nel settore turismo è fondamentale formare i giovani, non basta puntare sulla qualità degli asset e sul servizio”.

La scuola alberghiera d livello universitario che nascerà proprio a Venezia (Italian Hotel School con corsi in lingua inglese), in coincidenza con la conversione dell’ex Ospedale in area ricettiva, “si baserà sull’italianità e sull’information technology”, ha spiegato il manager.

“Il lancio di una academy sul turismo è il primo progetto del genere in Italia (ha l’ambizione di piazzarsi entro sette anni tra le prime 50 hospitality school del  mondo, ndr)", ha aggiunto.

A sottolineare il ruolo della formazione per la crescita di appeal, c’è stato anche l’intervento di Manuela De Carlo, docente dell’università Iulm (l’istituto è tra i soci fondatori della scuola alberghiera insieme a TH e a Cdp): “C’è un problema di allineamento tra le competenze presenti e le esigenze aziendali – ha spiegato -. Secondo uno studio di Manpower questo allineamento in Italia c’è per il 15%, contro un 28% di rispondenti che hanno risposto in modo negativo e un 57% che afferma che c’è solo in parte. All’estero, invece, queste percentuali sono rispettivamente 35, 21 e 44%”.

E tra le competenze più ricercate ci sono le soft skills,ossia flessibilità, lavoro di squadra, problem solving, autonomia e competenze tecniche. Secondo il World Economic Forum il 68% della forza lavoro dovrà essere riqualificata nel nostro Paese. E questo si riflette sulle possibilità di impiego. l.d.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte