EDITORIA - EVENTI - SERVIZI  DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

 
HOME > Notizie

Babbel acquisisce la startup LingoVentura

03/12/2018 14:12
L'app si espande nel mercato dei soggiorni linguistici per il 2019

Babbel, la app attiva nell’insegnamento delle lingue online, annuncia l’espansione nel mercato dei soggiorni linguistici per il 2019. L’azienda vuole proporre una selezione di scuole internazionali di lingua a persone interessate al tema, creando una piattaforma di prenotazioni internazionali. Il primo passo in questa direzione è già stato fatto con l’acquisizione di LingoVentura, una startup berlinese e piattaforma di soggiorni linguistici che ha già al suo attivo prenotazioni con 200 scuole di lingua in oltre 100 città e 30 Paesi. 

“Il mercato dei soggiorni linguistici ha l’aspetto che aveva il mercato dei viaggi nei primi anni del 2000, quando si prenotava il viaggio tramite agenzia o direttamente con un hotel. È un processo ancora molto frammentato - commenta Florian Oberleithner, corporate strategy manager in Babbel e responsabile del progetto -. Il lancio di una piattaforma unica aiuterà a semplificare il processo per i milioni di utenti che già raggiungiamo tramite l’app”.

L’attuale mercato ufficiale dei soggiorni linguistici è stimato a qualche miliardo, con circa tre milioni di prenotazioni all’anno. Anche in Italia il mercato è in forte crescita, spinto soprattutto dal bisogno sempre più impellente di imparare le lingue per lavoro.

Babbel vuole sostenere questo trend andando ad attivare i segmenti non ancora sfruttati del mercato. Il fatto che milioni di utenti abbiano un abbonamento Premium alla app di Babbel mostra un forte potenziale interesse nei soggiorni linguistici, vantaggioso per tutti gli interessati.

“Penso che sia ora di condividere quello che abbiamo costruito con tutta l'industria dell'apprendimento delle lingue - afferma Martin Kütter, coo di Babbel, che ha dato l’impulso e ha gestito l’acquisto di LingoVentura -. L’ingresso di Babbel in questo mercato è importante per mantenere il nostro obiettivo di rafforzare il mercato dell’apprendimento delle lingue già esistente invece che disgregarlo”.

“Più di ogni altro brand, Babbel è riuscita a portare l’apprendimento delle lingue straniere al grande pubblico, raggiungendo milioni di persone che altrimenti non avrebbero mai deciso di imparare una lingua. Abbiamo, inoltre, reso queste persone clienti e abbiamo mostrato loro che potevano farcela - aggiunge Markus Witte, ceo di Babbel -. Connettere la nostra audience con le scuole di qualità che andremo a presentare sarà un vantaggio per tutto il mercato. Da un lato i consumer potranno trovare la migliore offerta, dall’altro le scuole raggiungeranno molti più clienti”.

Il lancio della piattaforma per soggiorni linguistici di Babbel è previsto per il 2019.


TAGS

QUESTO ARTICOLO MI FA SENTIRE

COMMENTA

Ultime News

Guarda tutte